Tutti gli articoli di Roberto Brescianini

CIMA PRADELLA

Cima Pradella da Valgoglio.

Parcheggio auto: Valgoglio Centrale D’Aviasco

Itinerario: dalla Centrale Aviasco per la Val Sanguigno, nei pressi del Rifugio Gianpace mantenersi a destra del torrente Sanguigno e proseguire fino alle Baite Bindagola e in seguito  alla Baita Presponte. Poco oltre una freccia, dipinta su una pietra, indica la direzione, dritto, per monte Pradella. Continuare a seguire i bollini fino a raggiungere il lago Gelato m. 2417 e la vetta piramidale del Pradella m. 2626.                                                                                                                     Ritorno: Dalla cima discendere al Lago Nero e raggiungere la località Bortolotti. Lasciare la strada e prendere a destra per sentiero fino alla Centrale D’Aviasco.

Distanza percorsa Km 22

Ascesa D+ m. 1720

Durata escursione h. 09,15

Monte Aga

Monte Aga da Carona.

Parcheggio auto: Carona via Antonio Locatelli nei pressi della curva a tornante.                                                                                                                                              Itinerario: Località Pagliari, Forcella, Rifugio Longo,Lago del Diavolo, Passo di Cigola m. 2486 e Monte Aga m.2720.                                                   Ritorno: Monte Aga, Lago Rotondo, Rifugio Fratelli Calvi, Lago di Fregabolgia, il Dosso, Località Pagliari e Carona.

Distanza percorsa Km 25

Ascesa D+ m. 1650

MONTE VISOLO E PRESOLANA ORIENTALE

Parcheggio auto : Passo della Presolana via Cantoniera                                Itinerario : Per Sentiero delle Orobie Orientali, nei pressi del Rifugio Baita Cassinelli mantenersi sulla traccia di destra che passa poco più in alto del rifugio e continuare a seguire il sentiero fino alla cima del Monte Visolo a m. 2370. Discendere alla vicinissima Bocchetta del Visolo e risalire l’evidente traccia che  porta alla cresta, il sentiero non è attrezzato, che conduce alla vetta della Presolana Orientale a m. 2490.                                                                                                                                       Ritorno, scendere fino alla Bocchetta del Visolo, prestare attenzione il fondo è ghiaioso, e voltare a destra, il sentiero passa sotto le pareti della Presolana Orientale e quella Centrale, fino a raggiungere la Cappella Savina a m. 2080. Dalla Cappella proseguire fino al sottostante Bivacco Città di Clusone a m. 2050 , attraversare la Valle dell’Ombra e su sentiero ghiaioso raggiungere il Rifugio Baita Cassinelli e il Passo della Presolana.

Durata escursione h. 06,45

Ascesa D+ m. 1300

Distanza percorsa Km. 14,00

PIZZO DI BECCO

Pizzo di Becco da Carona.

Parcheggio auto: Carona via Lago  a pagamento “gratta e sosta” reperibile presso esercizi pubblici, costo euro 2.                                                         Itinerario: Prendere il sentiero adiacente al parcheggio e raggiungere il Lago di Becco m. 1872. Mantenerlo sulla sinistra e percorrere il sentiero, Giro dei Cinque Laghi. In prossimità del Lago Colombo lasciare il sentiero e prendere a sinistra  per la via Ferrata Pizzo del Becco, poco più di un sentiero attrezzato, che conduce alla cima del Pizzo di Becco a m. 2507. Discendere la via ferrata fino al Lago Colombo m. 2046. Riprendere il Sentiero Giro dei Cinque Laghi, percorrere lo sbarramento della diga, raggiungere il Lago Gemelli m.1952 e l’omonimo Rifugio a m. 1968. Continuare per Lago Piani Casere m.1841 e al Lago Marcio m. 1841, discendere il sentiero che conduce al parcheggio di Carona.

Durata escursione h. 07,48

Ascesa Dislivello D+ m. 1450

Distanza percorsa Km. 19,500

CRESTE DELLA GIUMENTA FERRATA DEL CENTENARIO

Da Erve, per le creste della Giumenta, alla Ferrata del Centenario.

Parcheggio auto: Gratuito nei presssi della chiesa parrocchiale, centro abitato di Erve (LC). Dal parcheggio proseguire lungo la via principale per circa 600 metri. Oltrepassato il piccolo santuario votivo, posto sulla destra, percorrere alcune decine di metri e svoltare a sinistra, sul ponticello che attraversa il torrente Gallavesa, inizio del sentiero che conduce al Monte Forcellino m. 1003. Proseguire per Sentiero Magnodeno fino a raggiungere il Monte Magnodeno m. 1231. Prendere a destra, inizialmente per Sentiero 24, poi su Sentiero 23 fino alla Cima del Fò m. 1302. Discendere fino all’omonimo Passo m. 1284 e raggiungere il vicino attacco della Ferrata del Centenario. La Ferrata è breve, ben attrezzata e non presenta particolari difficoltà. Terminata la ferrata discendere il sentiero attrezzato che, attraverso il caratteristico “Buco della Carlotta”, porta al Passo del Fò. Dal Passo proseguire per  la Capanna degli Alpinisti Monzesi, Prà dei Rat, Gnétt e il parcheggio di Erve.

Durata escursione h. 08,20

Ascesa Dislivello D+ m. 1150

Distanza percorsa Km 16,00

MONTE GUGLIELMO VALLE DELLA LANA

Monte Guglielmo da Inzino Valle della Lana.

Parcheggio auto presso Bar Trattoria Rendena m. 426, Inzino. Proseguire dritti su sentiero Inzino-Croce di Marone fino al Passo del Diavolo, innesto sentiero 315 Inzino Monte Guglielmo. Seguire il 315 fino a raggiungere la Cascina Lana, la Cascina Costarica, la Corna Tiragna a m. 1857 e la sommità del Monte Guglielmo a m. 1948.                                                                                                                               Itinerario di rientro, previsto giro ad anello. Da Rifugio Almici Sentiero 3V per Malga Guglielmo di Sopra, Malga Guglielmo di Sotto. Prendere a destra perRifugio Malpensata e Croce di Marone m. 1166. Proseguire per passo dello Spino m. 1077, voltare a sinistra per Malga Casere, Dosso dell’ Asino e il Laghetto Gorga, dal quale in pochi minuti su strada asfaltata si raggiunge il parcheggio auto.

Durata escursione h. 07,00

Ascesa Dislivello + m. 1635

Distanza percorsa Km.20,350

MONTE MUFFETTO

Monte Muffetto m. 2062 da Bovegno.

Parcheggio auto Prati Magri m. 1064 Bovegno Val Trompia. Per sentiero 366  Bovegno (Prati Magri) Dosso Rotondo, passando per Goletto delle Corti a m.1293, Dosso Re di Campo a m.1640, Goletto Re di Campo a m.1625, Goletto di Splaza a m. 1782. Da Splaza su sentiero 3V fino al Goletto di Baccinale a m. 1768. Lasciare il 3V e seguire l la cresta fino al Monte Muffetto a m. 2062.

Dislivello + m . 1000

MONTE CENGLEDINO

Monte Cengledino m. 2145 Tione TN Valli Giudicarie

Area di parcheggio località Zeller Tione. Seguire il sentiero 225 fino poco oltre Cengledino. Lasciare il  225 (Via ferrata “Giovanni Battista Cova”) e prendere a sinistra per sentiero 235 che conduce al Monte Cengledino a m. 2145. Proseguire sempre su 235 fino ad incrociare , nei pressi dei Laghi di Valbona, il Sentiero 225, in parte via ferrata, che riconduce al parcheggio di Zeller. Purtroppo per scarsa visibilità non abbiamo concluso l’intero  percorso programmato. Nei pressi dell’incrocio tra i due sentieri, 235/225, abbiamo interrotto il giro ad anello e fatto ritorno per lo  stesso itinerario percorso in precedenza.

Distanza percorsa Km. 13,600

Ascesa dislivello D+ m. 1000

MONTE STINO

Monte Stino attraverso i camminamenti della grande guerra.

Parcheggio auto, via Vantone inizio abitato di Vesta, località Paröle. Inizio itinerario, sentiero 2 Laghi n°454 Piazze – Monte Stino. Seguire il comodo sentiero , di origine militare (1915 – 1918), fino agli appostamenti dove è posta un’asta con bandiera tricolore e da li a poco raggiungere la sommità del monte Stino a m. 1466. Proseguire fino al sottostante Rifugio Stino a m. 1410 e all’adiacente chiesetta degli alpini, voltare a destra e discendere il sentiero n°455 che conduce a Paröle.

Durata escursione h. 05,55

Distanza percorsa Km 14,200

Ascesa D+ m.1200